A los amables visitantes de estas páginas...


, el desafío de traducir los poemas de Giovanni Raboni.


(Agradeceré el envio de vuestra versión a mi correo. Ver solapa "Contacto")



Notizia





Solo qualche parola,
solo una notizia sul rovescio del conto
sbagliato dal padrone.
Forse è tardi, può darsi che la ruota
giri troppo in fretta perché resti qualcosa:
occhi squartati, teste di cavallo,
bei tempi di Guernica.
Qui i frantumi diventano poltiglia.
E anch’io che ti scrivo
da questo luogo non trasfigurato
non ho frasi da dirti, non ho
voce per questa fede che mi resta,
per i fiaschi simmetrici, le sedie
di paglia ortogonali,
non ho più vista o certezza, è come
se di colpo mi fosse scivolata
la penna dalla mano
e scrivessi col gomito o col naso.





Risanamento





Di tutto questo
non c’è più niente (o forse qualcosa
s’indovina, c’è ancora qualche strada
acciottolata a mezzo, un’osteria).
Qui diceva mio padre, conveniva
venirci  col coltello… Eh sì, Il Naviglio
è a due passi, la nebbia era più forte
prima che lo coprissero… Ma quello
che hanno fatto , distruggere le case,
distruggere quartieri, qui e altrove,
a cosa serve? Il male non era
lì dentro nelle scale, nei cortili,
nei ballatoi, lì semmai c’era umido
da prendersi un malanno. Se mio padre
fosse vivo chiederei anche a lui: ti sembra
che serva? è il modo? A me sembra che il male
non è mai nelle cose, gli direi.






Giovanni Raboni (1932, Milano / 2004, Fontanellato, Italia)
Fuente: https://poetarumsilva.com/2010/10/11/giovanni-raboni-una-dichiarazione-damore/

Imagen: blog.quotidiano.net









1 comentarios

  1. No lo conocía, pero es de esos poetas que se merecen el esfuerzo de uno por aprender la lengua. Gracias.

    ResponderEliminar

How to Configure Numbered Page Navigation After installing, you might want to change these default settings: perPage: 7, numPages: 6, var firstText ='First'; var lastText ='Last'; var prevText ='« Previous'; var nextText ='Next »'; }